Cosa vedere a Madrid

0
70
cosa vedere a madrid

Madrid, capitale della Spagna, è una piccola città dall’architettura strepitosa e con parchi mozzafiato. Elegante e maestosa, è facilmente visitabile a piedi in pochi giorni, godendo dei bellissimi musei e delle attività tipiche da svolgere.

Vi consiglio un giro nella metro: è impressionante quanto sia immensa, un intreccio di vie sotterranee. Vi sembrerà di camminare in una città sotto terra.

Vediamo insieme cosa vedere a Madrid durante una vacanza.

CONSIGLI DI VIAGGIO:

  • Prenotate le attività almeno 1-2 giorni prima
  • State attenti ai giorni di chiusura
  • Ricordate che, durante le ultime due ore di apertura di tutti i musei, l’entrata è gratuita
1-Museo del Prado
museo del prado- cosa vedere a madrid
Museo del Prado

La fama di Madrid è profondamente legata al Museo del Prado, una delle più prestigiose istituzioni culturali al mondo. Si tratta di un gigantesco museo che ripercorre la storia della pittura spagnola ed europea dal XIII al XIX secolo, con una collezione di inestimabile valore, che comprende opere di artisti immortali come Goya, Velázquez, Tiepolo, Tiziano, Dürer, Rubens, Rogier Van Der Weyden, El Greco e Bosch.

Acquista qui il biglietto
Biglietto intero: Intero 15 €. Ridotto 7,50 €
ORARI DI APERTUTA: Tutti i giorni (10.00-20.00)

2-Museo National Reina Sofia
Museo National Reina Sofia
Museo National Reina Sofia

Oltre al famosissimo Guernica, il celebre quadro di Pablo Picasso che racconta le atrocità della guerra civile spagnola, in questo museo è possibile ammirare i capolavori di Dalì, Mirò e Picasso, i tre grandi della pittura spagnola del Novecento, e di tanti importanti artisti internazionali e conoscere a fondo la complessità dell’arte contemporanea

Acquista qui il biglietto
Biglietto intero: Intero 12 €.
ORARI DI APERTURA: Chiuso il Martedi, dal Mercoledì al Lunedì (10.00-21.00), Domenica (10.00-14.30)

3-MUSEO THYSSEN-BORNEMISZA

La collezione museale del Thyssen-Bornemisza comprende opere che vanno dal Trecento fino al XX secolo e sviluppa movimenti e correnti rappresentati solo marginalmente nel Museo del Prado e nel Reina Sofía come impressionismo, avanguardie e pop art; è presente anche una sezione dedicata alla pittura nordamericana.

Acquista qui il biglietto
Biglietto: Intero 13 €.
ORARI DI APERTURA: Chiuso il Lunedì, sabato: 10:00 – 21:00, Martedì – Domenica: ore 10:00 – 19:00.

4-STADIO SANTIAGO BERNABEU

Av. de Concha Espina, 1, 28036 Madrid, Spagna
Per gli appassionati di calcio, lo stadio del Real Madrid è certamente una tappa imperdibile. Rivivete le emozioni delle grandi sfide calcistiche partecipando al Tour Bernabeu: potrete ammirare una vista panoramica sullo stadio, visitare un museo ricchissimo di coppe, maglie e palloni, consultare un archivio digitale con video storici ed inediti ma soprattutto avrete accesso alle zone normalmente riservate ai protagonisti, come gli spogliatoi, il tunnel d’ingresso di campo di gioco, la tribuna stampa e il balcone presidenziale.

Acquista qui il biglietto

5-PALAZZO REALE

palazzo reale madrid

C. de Bailén, s/n, 28071 Madrid, Spain
Il palazzo reale è la residenza reale più grande d’Europa: con le sue tremila stanze è più grande persino di Versailles. È possibile visitarne solo 50, ma ciò sarà sufficiente per ammirare lo sfarzo e la magnificenza di questo fatto.

Acquista qui il biglietto
Costo del biglietto: 12 €.
L’accesso al belvedere è gratuito dal lunedì alla domenica, dalle 12:00 alle 22:00.

6-GRAN VIA

Tra eleganti palazzi e teatri che propongono spettacoli di Broadway, la via concede un pomeriggio di shopping e relax. Questa strada stupenda è un mast have nella lista di cosa vedere a Madrid.

7-Cattedrale dell’Almudena di Madrid

A pochi passi dal Palazzo Reale, incontriamo la Cattedrale dell’Almudena, una storia ben più travagliata di quella del vicino Palazzo, che porta il segno di ben 5 secoli di scontri, di trattative burrascose tra i Re cattolici e i vescovi di Toledo, di problemi economici e politici.

La cattedrale non può essere visitata durante le celebrazioni liturgiche.
ORARI DI APERTURA:
Dal 1 settembre al 1 giugno: tutti i giorni dalle 09:00 alle 20:00
Dal 1 luglio al 31 agosto: tutti i giorni dalle 10:00 alle 21:00.
Costo del biglietto: 1 € come contributo di ingresso.

8-Parco del Buen Retiro
Parco Del Buon Retiro
@little_grey_

Il simbolo del Parco è il meraviglioso Palazzo di Cristallo, costruito nel 1887 per ospitare un’immensa esposizione di specie botaniche provenienti dalle Isole Filippine. Per l’occasione fu allestito anche un villaggio indigeno, una minuziosa ricostruzione per rendere ancora più interessante e realistica la scoperta delle piante e degli animali del mondo esotico.

Il palazzo si trova all’interno di questo immenso e meraviglioso parco, estremamente curato e con tantissimi angoli deliziosi in cui rilassarsi, godersi una passeggiata o scattarsi delle foto. Da non perdere il bellissimo roseto.

9-PIAZZE

Puerta del Sol è il punto di partenza perfetto per partire alla scoperta dell’anima madrilena. Lo è innanzitutto da un punto di vista simbolico, poiché rappresenta il km 0 della rete stradale spagnola, e poi perché storicamente è sempre stata la piazza più importante di Madrid, già prima che la città assurgesse a rango di capitale nel 1561.

Se Puerta del Sol è la piazza delle proteste contro l’austerità che hanno portato alla nascita di Podemos, partito che contende ai socialisti il secondo posto nei consensi dietro i popolari, Plaza de Cibeles è invece il luogo dove si riuniscono i tifosi del Real Madrid per festeggiare le numerose vittorie dei blancos.

La tendenza tutta madrilena a vivere all’aria aperta trova un’ulteriore conferma in Plaza Mayor. Significativi sono Casa de la Panaderia, il più importante tra gli edifici storici che cingono Plaza Mayor e sede in cui veniva fissato il prezzo del pane (oggi è sede dell’Ufficio del Turismo di Madrid), e l’Arco de Cuchilleros, la più famosa delle nove porte di ingresso alla piazza.

Da non perdere anche la bellissima Plaza de Espana.

10- Stazione di Atocha

Da non perdere tra le cose da vedere a Madrid: la Estación de Atocha fu uno dei luoghi maggiormente colpiti l’11 marzo 2004 quando Al Qaida fece esplodere 10 ordigni a bordo di 4 treni regionali. L’attentato più terribile di Spagna, nazione che pure ha dovuto fare i conti con le frange più estreme del nazionalismo basco, non è riuscito tuttavia a cancellare la storia della prima stazione dei treni della capitale.

Alla base del suo fascino concorrono diversi fattori: il primo, già ricordato, ha a che fare col fatto di essere la stazione più antica della capitale; il secondo, e più importante, sta nella commistione tra cemento, acciaio e vegetazione.

11-MADRID RIO

Il Madrid Rio, parco pubblico cittadino inaugurato nel 2011, ma progettato a partire dal 2003, è un esempio virtuoso di riqualificazione e trasformazione di aree pubbliche dismesse.

12-Tempio di Debod
Tempio di Debod- cosa vedere a madrid
Tempio di Debod
L’attrazione al tempo stesso più bizzarra e più suggestiva di Madrid è il Tempio di Debob, un autentico tempio egizio del II secolo a.C trasportato pietra a pietra dalla sua collocazione originaria lungo la valle del Nilo a Madrid come “regalo” del governo egiziano.
Oggi è collocato all’interno del parco del Cuartel de la Montaña e attorniato da una vasca d’acqua che ricorda il fiume, è una vista magnifica che si fa ancora più emozionante nelle ore del tramonto o di sera, quando la bellezza del tempio viene esaltata dalle luci e dai riflessi sull’acqua.
13-MERCATI
Tra tutti i mercati di Madrid, il più famoso, nonché quello che conta il maggior numero di bancarelle, è il Mercato del Rastro, nato come mercatino delle pulci ed espansosi a dismisura nel corso degli anni.
I buongustai non devono assolutamente perdersi il Mercato di San Miguel, mercato al coperto che viene considerato un vero paradiso gourmet. Dal caviale alle tapas potrete gustare ogni sorta di prelibatezza spagnola e internazionale e acquistare alimenti di primissima scelta, inclusi alcuni di difficile reperibilità.
Meno noto tra i turisti ma non meno pittoresco è Mercado de San Fernando, un mercato al coperto nel vivace quartiere multietnico di Lavapiés, dove potrete trovare prodotti alimentari, abbigliamento, accessori e librerie. La bancarella più originale è La Casqueria, che vende libri usati … a peso!
14-Rosaleda del Parque del Oeste

Il Jardín de La Rosaleda di Madrid vanta un’ubicazione privilegiata all’interno del Parque del Oeste, una delle aree verdi più importante della città. È aperto tutti i giorni dell’anno, l’ingresso è libero per tutti e non è necessaria la prenotazione. Si trova nel centro di Madrid, nelle immediate vicinanze della stazione di Príncipe Pío, di Plaza de España, del Tempio di Debod e della funivia.

Il giardino è stato progettato nel 1955 da Ramón Ortiz, giardiniere capo del Municipio di Madrid. Su una superficie di 32.000 m2 crescono annualmente circa 20.000 esemplari di 600 varietà differenti di rosai moderni (400 a cespuglio e il resto rampicanti, piangenti, a gambo lungo, ecc…). Vari stagni completano la decorazione di uno dei giardini più rappresentativi di Madrid.

Nel 2006  è stato premiato dalla Word Federation of Rose Societies con “l’Award of Garden Excellence”, riconoscendolo come uno dei Roseti più eccezionali del mondo.

ORARIO DI APERTURA: Tutti i giorni dalle 10.00 alle 21.00

15-Real Jardín Botánico

Dichiarato Giardino artistico nel 1942, comprende collezioni eccezionali, come l’erbario con oltre un milione di esemplari, la biblioteca e un archivio con quasi 10.000 disegni, oltre alle 5.000 specie di piante vive in mostra.

-Ingresso generale (oltre i 18 anni, solo visita al giardino): 4 €. Con visita al padiglione Villanueva: 6 €.

-Biglietto ridotto: 

  • Studenti tra i 18 e i 25 anni; adulti di famiglie numerose; over 65 anni: Biglietto completo (con mostra) 3 € / Biglietto semplice (senza mostra) 1 €
  • Ingresso per gruppi di 10 o più persone: Biglietto completo (con mostra) 4 € / Biglietto semplice (senza mostra) 2 €
16-Greenhouse Crystal Palace of Arganzuela

Greenhouse Crystal Palace of Arganzuela

Poco conosciuto e fuori dal centro, questo palazzo di cristallo è molto più bello di quello famoso collota ne El retiro park.

Questa serra e giardino botanico, di circa 7100 metri quadrati, si trova nell’ex mattatoio del distretto di Arganzuela, costruito dall’architetto Luis Bellido y González tra il 1908 e il 1928.

Nel 1992 è stato ristrutturato per essere usato come vivaio, sul modello delle serre del XIX secolo presenti nei parchi di città europee come Vienna o Londra, esempi rappresentativi della cosiddetta “architettura del ferro” del XIX secolo.

Oggi ospita 9000 specie di piante suddivise in quattro biotopi ben distinti, ognuno con il proprio microclima e con la propria flora specifica: flora tropicale, flora subtropicale, piante grasse e cactus e piante di palude e acquatiche, oltre a una gran varietà di pesci.

17-MATADERO MADRID

Nella lista di cosa vedere a Madrid c’è sicuramente l’ex mattatoio della città, un insieme di padiglioni in stile neomudejar costruito all’inizio del XX secolo sulle sponde del fiume Manzanarre, oggi è diventato una piccola città dedicata alla cultura, in cui i visitatori possono trovare diversi spazi:

  • Naves del Español en Matadero​: spazio scenico che accoglie ogni tipo di arte scenica e visuale, oltre che letteratura, filosofia, musica e diverse attività transmedia.

  • Casa del lettore: la programmazione di questo vasto centro culturale fa dei lettori e della lettura i suoi protagonisti principali.

  • Centrale di design: Con il sostegno del Comune di Madrid e di DIMAD (Associazione Designer Madrid) si occupa di promuovere e diffondere il design.

  • Cineteca: è la prima e unica sala del paese dedicata quasi esclusivamente al cinema-documentario.

  • Intermediae: iniziativa dell’Area delle Arti del Comune di Madrid, che intende offrire alla città uno spazio per la produzione di arte contemporanea, capace di fungere da catalizzatore tra artisti e cittadini, con l’obiettivo di presentare forme alternative di espressione, creazione artistica e pensiero.

  • Nave 0: questa vecchia cella frigorifera è stata convertita in una zona per lo sviluppo di pratiche artistiche.

  • Plaza e Calle Matadero: multispazio all’aria aperta, riservato alle attività ludiche e culturali più dispari.

  • Centro di Residenze Artistiche: questo spazio amplia e accresce l’offerta di residenze e spazi per il lavoro in città a livello pubblico, mettendo a disposizione del tessuto creativo di Madrid risorse economiche, strumenti e supporto istituzionale in un ambiente di creazione e convivenza di creatori locali, nazionali e internazionali. Il centro si trova nella Nave 16, un grande spazio espositivo di oltre 4.000 metri quadrati, versatile e polivalente, che può fungere sia da ampia sala espositiva per mostre, installazioni o attività di living arts, sia come insieme di spazi indipendenti suddiviso in un massimo di tre sale simultanee.

  • MAD (Madrid Arti Digitali) Centro di Esperienze Immersive: spazio di creazione, sperimentazione ed esposizione presso la Nave 16 di Matadero Madrid. Apertura: 4 marzo 2022 con Klimt. El punto de partida (Il punto di partenza)

  • Medialab a Matadero: laboratorio cittadino che funge da luogo di incontro per la produzione di progetti culturali aperti.

  • Extensión AVAM: spazio gestito da Artistas Visuales Asociados di Madrid che offre agli artisti la possibilità di presentare i loro progetti in un ambiente aperto alla creazione di nuove reti, diventando una piattaforma di visibilità e scambio per i creatori.

Matadero Madrid dispone, inoltre, di due spazi di ristorazione: La Cantina e Café Naves.

ALTRI CONSIGLI
  • Se vi avanza tempo, merita una visita il planetario
  • Fuori città, ma vicino all’aeroporto, c’è un parco immenso meraviglioso: Parque Juan Carlos I
  • Non perdetevi un brunch a eatmytripmadrid ed un pranzo a Bel Mondo
  • Provate i churros con la cioccolata calda alla Chocolatería San Ginés o al Pecaditos da Manosanta
  • Visita il mercato gastronomico La Paz nel distretto Salamanca
  • Gustatevi uno dei migliori cocktail della vostra vita al Bandida Cocktail bar
  • Acquista biscotti fatti in casa dalle suore di clausura del Convento de las Carboneras
  • Goditi uno spettacolo di flamenco
  • Goditi il tramonto dal Cerro del Tìo Pìo
  • Passa una serata sulla Terraza de Torcuato, sul rooftop del Cort Ingles sulla Gran Vìa, su La Tavernier
  • Goditi l’unica spiaggia di Madrid al Moreira Beach Oasiz

Leggi anche: Cosa vedere a Bucarest in due giorni