Cosmyfy e gli EYElighters di Alessandro Orati… Brutalmente onesta

0
274

Salve gente!

Come molti di voi amanti del make-up sapranno, sono da poco usciti in commercio i nuovi illuminanti realizzati da Alessandro Orati in collaborazione con Cosmyfy.

E potevamo noi non acquistarli dopo il degenero accaduto in passato con la sua palette?

In realtà, detto tra noi, non ero convintissima di comprarli. Onestamente? Non amo l’idea di dare soldi a persone che non accettano le critiche e mettono tutto sul personale, offendendo pesantemente chi sta solo facendo il suo lavoro.

Tuttavia, ho deciso comunque di prenderli. Da un lato, perché ho un grosso problema con gli illuminanti e li amo alla follia e, dall’altro, perché gli illuminanti di Cosmyfy, creati in collaborazione con Basic Gaia, sono assolutamente tra i miei preferiti. Quindi, tutto considerato, ho messo da parte la mia “morale” e mi sono basata sul cuore e, soprattutto, sulla fiducia.

A QUESTO PUNTO, INIZIAMO CON LA RECENSIONE…

Questi illuminanti cotti (che ammetto essere la mia formula preferita) si chiamano Eyelighter e sono disponibili in 5 colorazioni: Rosy Cross, Black Sun, Heaven’s Gate, Golden Dawn e Providence Eye. Il prezzo è di 12,90 euro l’uno e contengono 7,5 grammi di prodotto (una quantità abbastanza nella media).

Io ho acquistato la colorazione “Rosy Cross” che, a primo impatto, era quella che mi piaceva di più anche se, devo ammettere, che sono tutte bellissime. Per quanto riguarda il pack, contenente uno specchio, è davvero bello, anche se quasi identico a quello degli illuminanti di Kate Von D. Ho apprezzato molto sia il loro concept che la forma, ma li trovo comunque un po’ troppo ingombranti e sicuramente poco pratici.

MA PASSIAMO ALLA QUALITA’ DEL PRODOTTO CHE, FONDAMENTALMENTE, E’ CIO’ CHE CI INTERESSA DAVVERO.

Partiamo dal claim esplicativo del prodotto: “Gli EYE-LIGHTER sono un raggio di luce che fa risplendere il tuo volto. Questi illuminanti cotti sono stati studiati e realizzati per avere un effetto bagnato, ma estremo. Zero colore di base e massima percentuale di perle sottilissime che si fondono alla pelle senza creare spessore. Il tutto per un effetto super specchiato a primo colpo.
Altamente sfumabili e super modulabili, la resa è incredibile sia da asciutti che da bagnati. La formula a lunga tenuta ci consente di brillare da mattina a sera.”

Allora…

Ai ragazzi e alle ragazze acqua e sapone, a cui piace un make-up naturale, dico subito che questo prodotto non fa assolutamente al caso vostro. L’effetto è super intenso e sicuramente non è un illuminante da tutti i giorni, nemmeno per me che amo brillare. C’è da dire inoltre che, nonostante io sia bianca come il latte, la colorazione che ho scelto è troppo chiara.

Passando oltre, devo ammettere di essrere rimasta molto incuriosita dal fatto che questi prodotti fossero solo perle pressate e non avessero base colore. Ma vedendo gli swatch sul sito e facendone poi uno per conto mio, l’affermazione “zero spessore” non mi convinceva più di tanto. Infatti, una volta applicato, il prodotto ha creato sul mio viso una grossa macchia, dando uno spessore poco piacevole, dovuto soprattutto alla marea di glitter messi insieme. Altra nota negativa di questi EYElighters è che sono veramente tanto polverosi. Soltanto stendendoli, i glitter vanno ovunque.

Quindi, per concludere, una volta applicato il prodotto, sul viso risulta una bellissima luminosità ma purtroppo un bruttissimo alone super evidente.
Sicuramente Orati ha avuto una bella idea, ma che poteva (e doveva!) essere sviluppata meglio.

Leggi anche: Recensione palette “Poison Garden” di Nabla

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here