Pitch- una donna nata per il baseball

0
303
pitch-recensione-serie tv

pitch-recensione-serie tv

Chi ha detto che una donna non possa entrare a far parte della MLB(Mayor League Baseball)insieme agli uomini?

Questo il tema della nuova serie televisiva statunitense Pitch, in cui la talentusa Ginny Baker (interpretata da Kylie Bunbury) verrà chiamata dai San Diego Patres, divenendo così la prima donna a giocare nel campionato professionistico di baseball. Nonostante questo sia sempre stato il suo obiettivo e si sia preparata per affrontarlo al meglio insieme al padre, il suo debutto non è facile, la sfida è ardua. Deve infatti riuscire a farsi accettare dai compagni di squadra(come ogni matricola) e convivere con la consapevolezza di essere divenuta un simbolo per molte donne, sempre al centro dei riflettori.

Ad aiutarla ci sarà un vecchio amico e ora compagno di squadra Blip Sanders(Mo McRae), la sua agente Amelia Slater(Ali Later) e ben presto anche il capitano Mike Lawson(Mark-Paul Gosselaar)che rimarrà colpito positivamente dalla bravura e dalla personalità di lei.

pitch-recensione-serie tv

La storia è inventata, ma prende spunto da fatti reali. L’alter ego di Ginny infatti si capisce essere Jakie Robinson (il primo giocatore afroamericano a debuttare nel campionato massimo di baseball), dal momento che lei indosserà il numero 43,esattamente un numero in più di Jakie che aveva il 42,quasi a indicare lei come il suo successore.

Purtroppo però ancora nessuna donna è riuscita a entrare nella MLB, ma recentemente è stata inserita tra le possibili candidate la giovane atleta Melissa Mayeux, che potrebbe essere la nuova Ginny Baker.

Una serie che consiglio perchè coinvolgente con una storia di coraggio e una trama interessante che riesce, pur parlando di sport, a far emergere le difficoltà di ogni donna nel farsi rispettare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here